fbpx
Windows 7 va in pensione

Windows 7 va in pensione

Il 22 ottobre 2009 usciva sul mercato Windows 7, come da prassi la Microsoft si è impegnata a fornire 10 anni di supporto tecnico. Questo periodo di 10 anni è ormai terminato e Microsoft ha interrotto il supporto di Windows 7 in modo da potersi concentrare sul supporto di tecnologie più recenti. Al fine del supporto per windows 7 è stato lo scorso 14 gennaio 2020.

Quello che può sembrare banale è invece molto importante in quanto l’assistenza tecnica e gli aggiornamenti software di Windows Update, che permettono di proteggere il PC, non sono più disponibili per il prodotto.

Il nostro consiglio è quello di passare al più presto a Windows 10 per evitare che, in caso di bisogno, l’assistenza o il supporto non sia più disponibile e che il sistema possa essere vulnerabile ad attacchi esterni.

 

La stessa Microsoft ha scelto di comunicare agli utenti la fine del supporto tecnico tramite dei martellanti avvisi che compaiono sotto forma di finestre pop up.  

“Dopo 10 anni, il supporto a Windows 7 è vicino alla fine. Il 14 gennaio 2020 è l’ultimo giorno in cui Microsoft offrirà gli update di sicurezza e il supporto tecnico per Windows 7. Sappiamo che cambiare può essere difficile, per questo ti stiamo avvertendo prima per aiutarti a fare il backup dei tuoi file e prepararti al nuovo“

Infine a partire proprio dal 14 gennaio all’avvio del pc un messaggio di questo tipo ha dato l’avviso definitivo della fine del supporto

Dunque se continui a utilizzare il tuo PC con Windows 7, senza aggiornamenti software e di sicurezza, sarà più vulnerabile a virus e malware.

Pensate che ci sono ancora aziende, piccole e medie, ed enti pubblici che si ostinano ad utilzizare sistemi operativi il cui supporto ufficiale è finito da molto tempo, tipo Windows XP ( aprile 2014) o Windows Vista (archiviato nel 2017). Una scelta che non solo limita la produttività aziendale, ma espone il parco macchine dell’azienda o dell’ente all’attacco di virus di ogni tipo.

Guardando al futuro, il modo migliore per garantire la sicurezza è scegliere Windows 10.

Torna su